mercoledì 11 gennaio 2017

Donato Renzetti, direttore d'orchestra

Dopo aver studiato Composizione e Direzione d’Orchestra al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, ha ottenuto numerosi riconoscimenti in importanti Concorsi Internazionali: “Diapason d’Argento” nel 1975 e nel 1976 al Concorso “Gino Marinuzzi” di Sanremo, Premio “Ottorino Respighi” all’Accademia chigiana di Siena nel 1976, Medaglia di Bronzo al I Concorso Ernest Ansermet di Ginevra nel 1978; nel 1980 è stato proclamato vincitore assoluto del X Concorso “Guido Cantelli” del Teatro alla Scala di Milano. 
Da allora la sua carriera non ha avuto soste, alternando l’attività sinfonica con produzioni d’opera lirica e registrazioni discografiche. Ha collaborato con Orchestre prestigiose, quali la London Philharmonic, la London Sinfonietta, l’English Chamber Orchestra e la Philharmonia di Londra, la BRT di Bruxelles, la RIAS di Berlino, la Capitole de Toulouse, l’Orchestra National de Lyon, la Filarmonica di Tokyo, la Filarmonica di Buenos Aires, l’Orchestra di Stato Ungherese, l’Orchestra Sinfonica di Atene, l’Orchestra Sinfonica Portoghese, le Orchestre RAI di Milano, Roma, Torino e Napoli, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e l’Orchestra del Teatro alla Scala. È stato invitato nei maggiori teatri lirici del mondo: Opéra di Parigi, Covent Garden di Londra, Grand Thèatre de Ginevra, Capitole de Toulouse, Opéra di Lyon, Opéra di Montpellier, Opera di Bonn, Opera di Monaco di Baviera, Teatro San Carlo di Lisbona, Megaron di Atene, Colon di Buenos Aires, Lyric Opera di Chicago, Opera di San Francisco, Opera di Detroit, Dallas Opera, Metropolitan e Carnegie Hall di New York e tutti i maggiori teatri italiani. 
È stato ospite dei Festival Internazionali di Glyndebourne, Spoleto e Pesaro. Ha debuttato giovanissimo all’Arena di Verona; nel 1987, con i complessi artistici di tale ente, ha tenuto una tournée in Egitto dove, per la prima volta a Luxor, è stata rappresentata Aida di Giuseppe Verdi. È stato Direttore Principale dell’Orchestra Internazionale d’Italia, dell’Orchestra della Toscana e dell’Orchestra stabile di Bergamo e per nove anni consecutivi di Macerata Opera. 
Nel 1994 è stato nominato Direttore Principale dell’Orchestra Stabile di Bergamo e della Filarmonica Veneta, nonché consulente artistico del Teatro Comunale di Treviso. Dal 2005 al maggio 2007 è stato Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica Portoghese del Teatro San Carlo di Lisbona. Dal 2007 è Direttore Principale ed Artistico della FORM, Orchestra Filarmonica Marchigiana. È attualmente Direttore Principale e Artistico della FORM, Orchestra Filarmonica Marchigiana. La sua discografia comprende opere di Mozart, Cajkovskij, opere rare di Schubert, Cherubini e Simone Mayr e, inoltre, i DVD de La figlia del reggimento al Teatro alla Scala, della Cenerentola al Festival di Glyndebourne e di un concerto alla guida dell’Orchestra della Toscana in cui esegue Egmont di Beethoven, il Doppio concerto di Brahms con Giuliano Carmignola e Mario Brunello e La sinfonia “Scozzese” di Mendelsshon. Ha registrato numerose opere liriche per Philips, Frequence, Fonit Cetra, Ricordi, Nuova Era e Dynamic: Il Signor Bruschino, La Cambiale di Matrimonio, Ifigenia in Tauride di Piccinni, Bianca e Falliero di Rossini, La Favorita di Gaetano Donizetti, Attila di Giuseppe Verdi, Stabat Mater di Pergolesi. Il disco Manfred di Robert Schumann, registrato con l’Orchestra e il Coro della Scala, voce recitante Carmelo Bene, ha vinto il XIX Premio della Critica Italiana del Disco.
Dal 1987 è Docente di Direzione d’Orchestra all’Accademia Musicale Pescarese, scoprendo talenti di nuove generazioni tra i quali: Massimo Zanetti, Gianandrea Noseda e Michele Mariotti. Nel 2002, il Collegio dei Ragionieri di Lanciano in Abruzzo gli ha conferito il Premio Frentano d’Oro per i meriti artistici ottenuti in Italia e all’Estero. L’Associazione Amici della Lirica dell’Opera Festival di Pesaro lo ha onorato con l’assegnazione del Premio Rossini d’Oro 2006. Nel 2009 gli è stato assegnato il 26° Premio Luigi Illica ed il Premio Nino Carloni dalla Fondazione Barattelli dell’Aquila. Da gennaio 2015 è Direttore Principale della Filarmonica Gioachino Rossini di Pesaro.

VEDI FOTOSERVIZIO DI CONCERTODAUTUNNO

Segue il dettaglio di una grande carriera.
Ha ottenuto numerosi riconoscimenti in importanti concorsi internazionali: il "Diapason d'Argento" nel 1975 e nel 1976 al Gino Marinuzzi (1882-1945) di San Remo, l'Ottorino Respighi nel 1976 all'Accademia Chigiana di Siena, la medaglia di bronzo nel 1978 al "Primo Concorso Ernest Ansermet" di Ginevra, nel 1980 è stato nominato all'unanimità vincitore assoluto del "X Concorso Guido Cantelli" del Teatro alla Scala di Milano al Teatro Coccia di Novara.
Per la Scala nel 1978 dirige la prima assoluta di Diario dell'assassinata di Gino Negri con Milva e Pierrot Lunaire (Schönberg) alla Piccola Scala ed alla Scala Nuits d'été di Hector Berlioz ed I quattro temperamenti di Paul Hindemith e Histoire du soldat nel Palasport Lino Oldrini di Masnago, a Paderno Dugnano, Cassano d'Adda, Cinisello Balsamo, Mantova ed al PalaPianella di Cucciago e nel 1979 a Novate Milanese, Lodi, Monza, Teatro Coccia di Novara, Urbino, Teatro Tendastrisce di Roma, Teatro Carlo Goldoni (Livorno), Teatro Manzoni (Pistoia), Teatro Moderno di Grosseto, Teatro Verdi (Pisa), Palasport Villa Romiti di Forlì, Teatro Lirico di Milano e Bergamo.
Ancora nel 1979 dirige Brettl-Lieder di Arnold Schoenberg alla Piccola Scala e Histoire du soldat al Teatro Regio di Parma, nel 1980 un concerto con Jeffrey Swann con musiche di Pierre Boulez, uno con musiche di Karlheinz Stockhausen alla Piccola Scala e Manfred di Robert Schumann con Carmelo Bene alla Scala.
Nel 1981 dirige Il duca d'Alba con Renato Bruson al Teatro Comunale di Firenze, Rigoletto con Sherrill Milnes, Ileana Cotrubaș, Antonio Zerbini e Franca Mattiucci all'Arena di Verona e L'Italiana in Algeri al Rossini Opera Festival di Pesaro con Samuel Ramey, Ugo Benelli e Sesto Bruscantini.
Nel 1982 per la Scala dirige un concerto con musiche di Igor Stravinskij con Salvatore Accardo e Teresa Berganza e Paolo Montarsolo e tre concerti con Alexis Weissenberg alla Scala ed un concerto in Piazza della Loggia a Brescia.
Nel 1983 dirige Rigoletto con Antonio Salvadori al Teatro Donizetti di Bergamo, il Concerto per pianoforte, orchestra e coro maschile di Ferruccio Busoni al Teatro Malibran per il Teatro La Fenice di Venezia ed Il Turco in Italia con Lella Cuberli ed Alessandro Corbelli a Pesaro dove torna nel 1984 con Le Comte Ory con Rockwell Blake, Cecilia Gasdia, Cecilia Valdenassi e la London Sinfonietta, nel 1985 con Mosè in Egitto con Simone Alaimo e nel 1986 Bianca e Falliero con Chris Merritt, Giorgio Surjan, Marilyn Horne e Katia Ricciarelli.
La sua carriera non ha avuto sosta alternando l'attività sinfonica con produzioni d'Opera Lirica e registrazioni discografiche.
Ha diretto alcune tra le più importanti orchestre del panorama musicale internazionale: la London Sinfonietta, la London Philharmonic, la Philarmonia di Londra, l'English Chamber Orchestra, la RIAS di Berlino, l'Orchestra di Stato Ungherese, la Filarmonia di Tokyo, la Filarmonica di Buenos Aires, l'Orchestra della Scala di Milano, l'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia di Roma, la Dallas Symphony, la BRT di Bruxelles, l'Orchestre National du Capitol de Toulouse, l'Orchestre National de Lille e la National del Lyon, la Zeeland Symphony, l'Orchestra della RAI di Milano, Torino, Roma e l'Orchestra Scarlatti di Napoli, l'Orchestra Sinfonica di Bilbao.
È stato invitato nei principali Teatri Lirici del mondo: Opera di Parigi per Jérusalem con Veriano Luchetti, Silvano Carroli e la Gasdia nel 1984, Royal Opera House, Covent Garden di Londra con L'Italiana in Algeri con la Horne nel 1989, Grand Theatre de Ginevra per Les vêpres siciliennes con Giuliano Ciannella e Robert Lloyd nel 1985, Staatsoper di Monaco, Capitol de Toulouse, Carnegie Hall e Metropolitan di New York, Lyric Opera di Chicago, Opera di Dallas, San Francisco Opera, Teatro Colon di Buenos Aires, Teatro Bunka di Tokyo, Teatro Megaron di Atene, Teatro alla Scala di Milano e tutti i maggiori teatri italiani; è stato ospite nei Festivals di Glyndebourne, di Spoleto, di Pesaro e al Festival Verdi di Parma.
All'Opera di Chicago nel 1984 dirige Ernani con Lando Bartolini, Grace Bumbry, Piero Cappuccilli e Nicolai Ghiaurov, nel 1985 I Capuleti e i Montecchi con Tatiana Troyanos e nel 1988 La sonnambula.
Ancora nel 1984 dirige la prima assoluta di Gargantua di Azio Corghi al Teatro Regio di Torino.
Nel 1986 dirige Jérusalem con Katia Ricciarelli e Cesare Siepi a Parma, Un ballo in maschera con Maria Chiara, Juan Pons e Lucio Gallo a Torino e Iphigénie en Tauride (Piccinni) al Teatro Petruzzelli di Bari.
Nel 1987 ha diretto la prima assoluta dell'opera Aida a Luxor con i complessi artistici dell'Arena di Verona ed al Festival lirico areniano con Fiorenza Cossotto, Nicola Martinucci e Bonaldo Giaiotti e nel 1988 Aida a Parma.
Dal 1982 al 1987 è stato Direttore Principale dell'Opera dell'Orchestra Internazionale Italiana, dal 1987 al 1992 Direttore Principale dell'Orchestra regionale toscana, dal 1993 al 2001 Direttore Principale dell'Orchestra Stabile di Bergamo.
Nel 2007 è stato nominato Direttore Artistico e Direttore Principale dell'Orchestra Filarmonica Marchigiana fino al 2013.
Nel 1989 debutta al Metropolitan Opera House di New York dirigendo La Bohème.
Ancora per La Fenice nel 1990 dirige Ernani con Bruson e Roberto Scandiuzzi e dei concerti al Teatro Toniolo di Mestre ed al Teatro Rossini di Venezia.
Nuovamente a Chicago nel 1990 dirige Lucia di Lammermoor con June Anderson ed Alfredo Kraus, nel 1991 I puritani con Paolo Coni e Paul Plishka e nel 1992 Otello (Verdi).
Allo Sferisterio di Macerata nel 1992 dirige La sonnambula, nel 1993 Lucia di Lammermoor, nel 1994 La Bohème con Giusy Devinu, nel 1995 Il barbiere di Siviglia (Rossini) con Enzo Dara e Ruggero Raimondi e Tosca (opera) con Fabio Armiliato, Juan Pons e Raina Kabaivanska, nel 1996 Turandot con Alessandra Marc e Daniela Dessì, nel 1997 Faust (opera) con Pietro Ballo e Luciana Serra, nel 1998 Falstaff (Verdi) con Eva Mei, nel 1998 la prima assoluta di Giacomo mio, salviamoci! di Giorgio Battistelli con Umberto Orsini trasmessa su RaiSat, nel 1999 Otello con Tiziana Carraro e nel 2000 Satyricon di Bruno Maderna.
Al Teatro Massimo Bellini di Catania dirige L'italiana in Algeri con Ballo nel 1994 e L'elisir d'amore nel 1996.
Alla Scala nel 1996 dirige La Fille du régiment con Ewa Podleś, Bruno Praticò e Mariella Devia.
Nel 1997 dirige un concerto con musiche di Stravinskij per La Fenice al Teatro Toniolo, nel 2000 Gli stivaletti al Teatro Lirico di Cagliari, nel 2001 Attila (opera) con Ferruccio Furlanetto, Alberto Gazale e Dīmītra Theodosiou al Teatro Verdi (Trieste) e nel 2002 L'equivoco stravagante con Lorenzo Regazzo a Pesaro dove nel 2004 dirige la cantata Il vero omaggio.
Al Festival lirico areniano nel 2005 dirige La Gioconda con Andrea Gruber e Marco Berti.
Dal 2005 al 2007 è stato Direttore Principale dell'Orchestra Sinfonica Portoghese del Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona.
Nel 2006 per il Teatro dell'Opera di Roma dirige Madama Butterfly alle Terme di Caracalla.
A Bilbao nel 2006 dirige Rigoletto con Piotr Beczala, nel 2007 Aida e nel 2011 Macbeth (opera) con Violeta Urmana e Giacomo Prestia.
Nel 2007 a Macerata dirige la Messa da requiem (Verdi) con la Theodossiou e Daniela Barcellona ed al Teatro comunale Luciano Pavarotti di Modena Luisa Miller e nel 2008 a Chicago Il barbiere di Siviglia con Joyce DiDonato.
Nel 2009 a Modena ed a Parma dirige I due Foscari con Leo Nucci.
Alla Scala nel 2009 dirige Assassinio nella cattedrale (opera) con Furlanetto, nel 2010 L'elisir d'amore con Nino Machaidze, Rolando Villazón ed Ambrogio Maestri e nel 2014 Le Comte Ory con Juan Diego Flórez ed Aleksandra Kurzak.
Al Teatro Regio di Torino nel 2010 dirige Luisa Miller con Fiorenza Cedolins, Orlin Anastassov e Gazale.
Al Metropolitan nel 2012 dirige L'elisir d'amore con Diana Damrau e Flórez ed a San Diego nel 2013 Assassinio nella cattedrale.
Ancora nel 2013 dirige Luisa Miller a Piacenza e Rigoletto e La traviata con Irina Lungu e Massimo Giordano (tenore) a Torino.
Nel 2014 dirige Luisa Miller al Teatro Dante Alighieri di Ravenna, Madama Butterfly con Amarilli Nizza ed Attila (opera) al Teatro Verdi (Trieste) per il quale porta Macbeth a Mascate, Pagliacci (opera) e Black el Payaso di Pablo Sorozábal a Madrid, L'elisir d'amore con Francesco Meli al Teatro Costanzi di Roma e La traviata e Gli stivaletti al Teatro Lirico di Cagliari ripreso da Rai 5.
Nel 2015 dirige Suor Angelica con Amarilli Nizza e Goyescas di Enrique Granados a Torino, Tosca con Roberto Frontali a Roma, I due Foscari con Nucci e L'amico Fritz a Piacenza, La gazza ladra con la Machaidze a Pesaro, Le nozze di Figaro con la Devia al Teatro Giovanni Battista Pergolesi di Jesi e L'elisir d'amore con la Kurzak, Roberto Alagna, Mario Cassi e Maestri a Parigi.
Nel 2016 dirige L'amico Fritz per il Ravenna Festival ed a Modena ed Il barbiere di Siviglia con Ildebrando D'Arcangelo a Roma ripreso da Rai 5.
Ha inciso per Philips, Frequenz, Fonit Cetra, Nuova Era e Dynamic CD con musiche di Mozart, Čajkovskij, Simone Mayr e ouvertures rare e inedite di Schubert e Cherubini; nel campo operistico l' "Attila", "Il Signor Bruschino", "La Cambiale di Matrimonio", "La Favorite"; DVD delle Opere "Fille du Regiment" al Teatro alla Scala di Milano, "La Cenerentola" al Festival di Glyndebourne, "La Gioconda"all'Arena di Verona, "L'Italiana in Algeri" al Festival di Pesaro. Il disco "Manfred" di Schumann, registrato con l'Orchestra e il Coro del Teatro alla Scala, ha vinto il "XIX Premio della Critica Discografica Italiana".
Dal 1987 è docente di Direzione d'Orchestra per il Corso Triennale di Alto Perfezionamento all'Accademia Musicale Pescarese, scoprendo talenti di nuove generazioni tra cui: Massimo Zanetti, Gianandrea Noseda, Daniele Agiman, Pietro Mianiti, Stefano Miceli, Michele Mariotti, Dario Lucantoni, Andrea Di Mele, Massimiliano Caldi, Antonino Manuli.
Nel 2002 il Collegio dei Ragionieri di Lanciano in Abruzzo gli ha conferito il "Premio Frentano d'Oro" per i meriti artistici ottenuti in Italia e all'estero.
L'Associazione Amici della Lirica dell'Opera Festival di Pesaro lo ha onorato con l'assegnazione del "Premio Rossini d'Oro 2006".

Nel 2009 il XXVI "Premio Luigi Illica" ed il Premio "Carloni" della Barattelli dell'Aquila.

Nessun commento:

Posta un commento